Il Paguro - piccola casa per giovani europei
agrorinasce

Sottocategorie

 

 

 

logo paguro con partner

 

 

Il progetto finanziato all’interno del bando del Dipartimento della Gioventù e del Servizio civile nazionale “Giovani per la valorizzazione dei beni pubblici” mira a valorizzare e a realizzare lo Start UP di un bene confiscato alla camorra assegnato a Giosef con una concessione ventennale dal Consorzio Agrorinasce costituito dai Comuni di Casal di Principe, Casapesenna, San Cipriano di Aversa, Santa Marial la Fossa e Villa Literno, tutti della provincia di Caserta.

Il territorio dei sei comuni è tristemente noto per la presenza di organizzazioni criminali, per il degrado sociale e ambientale che il malaffare ha generato, per gli altissimi livelli di disoccupazione che lo caratterizzano ed infine i bassissimi livelli di vivibilità rispetto i principali indicatori. Per far fronte a tale situazione numerosissime organizzazioni della società civile in questi anni si sono attivate per contrastare tali fenomeni ed avviare nuovi modelli di sviluppo. L’uso sociale dei beni confiscati si sta rivelando uno dei principali e fruttuosi strumenti.

Lo SCOPO del progetto è promuovere il concetto di cittadinanza europea quale fattore di crescita del territorio aprendolo a processi di cooperazione tra cittadini e favorendo la rivendicazione di target di vita europei in una realtà locale completamente avulsa da processi interculturali e considerata come un “sobborgo” d’Europa.

OBBIETTIVO PRINCIPALE è realizzare un Centro Euromediterraneo della Gioventù (LEMYC - Little Euromediterranean Youth Center) sul modello dei Centri Europei della Gioventù (Starsburgo e Budapest i più famosi) promossi dal Consiglio d’Europa, che sia una residenza per giovani ed organizzazioni impegnate in attività cittadinanza attiva europea e un presidio della cultura e della cooperazione europea.

Seguici su facebook

Cerca nel sito